Copertina UN PICCOLO TESORO NASCOSTO: VIGOLO
Sulle mappe pare quasi risultare inesistente e invisibile data l’esigua estensione e una popolazione che non supera i 600 abitanti. Eppure il piccolo comune di Vigolo pesa non poco nell’economia turistica del Lago d’Iseo.
Il piccolo paese vanta una storia davvero antica e una gestazione in epoca romana. L’estensione comunale è inversamente proporzionale alle cose da vedere, tante e tali da rimanere scolpite nella mente di chi scopre questo gioiello di natura. E infatti la prima cosa che colpisce il turista arrivando a Vigolo è sicuramente la natura, amena, confinata, agreste, un vasto manto di pinete e cascine, pascoli e distese erbose che avvolgono un grazioso centro urbano.

Raggiungere questa affascinante realtà è abbastanza semplice: da Bergamo occorre immettersi nell’autostrada A4 fino all’uscita di Palazzolo sull’Oglio, imboccare la SP 469 per giungere a Vigolo dopo la diramazione sulla SP 78. 
Una volta fatta visita in questo piccolo borgo dai sapori d’altri tempi, non potete non fermarvi a degustare una cena di pesce in un posto altrettanto sconfinato e suggestivo: il ristorante “Al villino di Agnese”. Quest’ultima tappa vi regalerà una vista mozzafiato e vi accompagnerà in un viaggio di sapori unici e inimitabili.
Ristorante Al Villino di Agnese:
Indirizzo: Via Aldo Moro, 5, 24060 Vigolo BG
Tel. 035 932702